Tag Archives: miur

docenti_assistenti_disabili_miur_2017

Nomine docenti e assistenti disabili, in arrivo la circolare del Miur

Inizia il nuovo anno scolastico e crescono puntualmente le preoccupazioni e le lamentele sul mondo della scuola Italiana. Anche e soprattutto da parte delle famiglie degli alunni disabili.

Come sostenunuto in un comunicato stampa dalla FISH (Federazione Italiana Associazioni dei Disabili), per gli alunni disabili spesso l’effettiva e piena partecipazione alle attività scolastiche non inizia a Settembre: la nomina degli insegnanti di sostegno avviene mesi dopo, l’assistenza educativa non viene attivata da subito, il trasporto non sempre è garantito dal primo giorno.

docenti_assistenti_disabili_miur_2017

L’incontro col ministro dell’istruzione

“FISH ha chiesto un incontro al ministro dell’Istruzione Valeria Fedeli, che lo ha rapidamente concesso. La scuola deve iniziare a Settembre per tutti”: così Vincenzo Falabella, presidente della Federazione, anticipa i contenuti dell’incontro al Miur in cui sono stati richiesti impegni e rassicurazioni.

“Il ministro ci ha innanzitutto informato dell’imminente emanazione di una specifica circolare a tutti i dirigenti scolastici che mira a contenere il rischio di ritardi nelle nomine e all’attivazione dell’assistenza alla comunicazione e all’autonomia, proprio per garantire la piena e immediata inclusione degli alunni con disabilità.

La circolare preciserà anche le indicazioni del recente decreto legislativo 66/2017 sull’inclusione scolastica degli studenti con disabilità, che entrano in vigore dall’anno 2019″.

Delle rassicurazioni, continua Falabella, sono arrivate anche sul fronte del trasporto scolastico: Su questi servizi sarà cura del Ministero richiamare i più recenti specifici stanziamenti mirati proprio alla loro garanzia.

Sono state formulate anche garanzie circa il rispetto del numero di studenti (massimo 22) nelle classi in cui sia presente un alunno con disabilità grave, contenendo così il fenomeno delle cosiddette classi pollaio.

 

LIFE confida nell’impegno che il Governo, e nello specifico il ministro Fedeli, indirizzera’ verso il mondo della disabilita’, tema ancor piu’ delicato nell’ambito scolastico.

Vi terremo informati come di consueto su futuri sviluppi sul tema disabilita’ e scuola.

scuole-paritarie-disabili

Contributo disabili scuole paritarie: sostegno agli alunni, non agli istituti

Contributi alle scuole paritarie: é stata accolta la tesi dell’ANINSEI (Associazione Nazionale Istituti Non Statali di Educazione e di Istruzione) e condannato il MIUR a risarcire ad ANINSEI le spese, i diritti e gli onorari del giudizio con il quale, secondo quanto riferisce in un comunicato Luigi Sepiacci, presidente dell’Associazione:

“la Sesta Sezione del Consiglio di Stato dà definitivamente ragione all’ANINSEI e torto al MIUR perché riconosce pari dignità e la stessa tipologia di trattamento nell’accesso ai contributi pubblici, e ai relativi sussidi, sia agli Enti Profit che agli Enti No Profit”.

È stato infatti annullato, perché ritenuto illegittimo, l’art. 4 del d.m. n. 46 del 2013 sui criteri di riparto dei fondi, nella parte in cui identifica le scuole paritarie che svolgono il servizio scolastico senza fini di lucro, quali destinatari in via prioritaria rispetto alle altre scuole paritarie, dei fondi pubblici.

Scuole paritarie senza fini di lucro”, spiega Sepiacci,  “non sono quelle gestite da soggetti giuridici senza fini di lucro, secondo il criterio soggettivo, ma sono quelle che svolgono il servizio scolastico senza fini di lucro realmente, ovvero senza corrispettivo – vale a dire a titolo gratuito – o dietro il versamento di un corrispettivo solo simbolico, per l’attività didattica prestata. Tale comunque da coprire solo una minima parte del costo effettivo del servizio”.

 

disabile-scuola

L’equiparazione scolastica

“In sintesi”, sottolinea il presidente ANINSEI, “le scuole gestite da enti senza scopo di lucro e gli enti con scopo di lucro sono da equiparare nella concessione di contributi diretti o indiretti, quando richiedono alle famiglie degli studenti i corrispettivi per le prestazioni didattiche svolte.

In assenza della condizione, da valutare in termini rigorosamente oggettivi, della gratuità o della quasi gratuità del servizio, il vantaggio selettivo e cioè i contributi e le esenzioni concessi solo ad alcuni Enti operanti nel settore (gli enti senza fini di lucro) costituisce “aiuto di Stato”, e si incorre perciò nel divieto e nel regime di illegittimità sancito più volte in sede comunitaria dalla Commissione Europea e, nelle sue pronunce, dalla Corte di Giustizia Europea”.

“Quando si parla di alunni delle scuole paritarie ci sono sempre rigurgiti di statalismo antico, che speravamo superato dopo 16 anni dall’approvazione della Legge 62/2000 di parità, voluta dall’allora ministro Luigi Berlinguer che ha sancito che le scuole paritarie erogano un servizio pubblico al pari delle scuole statali, facendo parte a pieno titolo del Servizio Nazionale d’Istruzione” dichiara Luigi Sepiacci.

Il presidente poi prosegue: “non è questione di dare o meno aiuti alla scuola paritaria. Si tratta esclusivamente di garantire l’accesso al diritto allo studio a chi è meno fortunato. A chi già si trova a dover vivere una situazione di disagio, poiché affetto da una disabilità”.