Tag Archives: legge 104 del 1992

congedo lavorativo

Congedo lavorativo: aiutare un disabile in famiglia

Il congedo lavorativo è uno dei diritti di chi assiste un disabile in famiglia. Purtroppo però ancora non è ben chiaro a tutti chi ne può usufruire, come richiederlo e quante volte al mese è possibile farne richiesta. Scopriamolo insieme così da rendere le idee un po’ più chiare a tutti.

Congedo lavorativo: quante volte si può usufruire di questo servizio?

La circolare INPS numero 32 del 2012 al punto 3.3 esplica il tempo che un lavoratore può richiedere per allontanarsi dal lavoro al fine di assistere un parente disabile. Il periodo di congedo lavorativo è di due anni per soggetto, indennizzati nella misura della retribuzione che si percepisce il mese che precede il congedo. In caso di pluralità di soggetti in situazione di disabilità grave, il diritto di prendere un’aspettativa dal lavoro per curare il familiare spetta per ciascun “accudito”, sempre nei limiti previsti dalla legge, considerando che tali periodi di congedo straordinario devono rientrare in massimo due anni per ciascun lavoratore.

Non è infatti possibile al lavoratore di furie del raddoppio, intesto che per un ulteriore periodo di due anni per altri soggetti in situazione di disabilità, il congedo spetta solo ad un altro parente, con decurtazione di periodi eventualmente utilizzati presi come permessi per gravi e documentati problemi familiari.

Congedo lavorativo: chi più farne richiesta?

La legge in merito a questo punto è molto chiara e precisa. Possono usufruire del congedo lavorativo al fine di assistere un disabile tutti i soggetti entri il terzo grado di parentela quali: il coniuge, il convivente more uxorio, le parti dell’unione civile, i genitori, i figli, i fratelli, le sorelle, i parenti ed affini.

Ma questo diritto non è uguale per tutti, infatti c’è una disposizione ben precisa di chi sono i primi a poter usufruire del congedo. Il primo titolare è sicuramente il coniuge o chi convive con il soggetto disabile. Se il coniuge è deceduto, legalmente separato, il soggetto è celibe/nubile oppure affetto da una patologia invalidante, può usufruire di questo diritto il genitore del disabile.

congedo straordinario

Se invece ne volesse usufruire il figlio convivente della persona invalida, devono sussistere tutte le condizioni prima citate anche per il genitore del disabile. Quindi tutti gli attori in tal caso devono essere o deceduti, o malati o mancanti.

Stessa situazione deve esserci se un fratello o una sorella convivente del disabile varrebbe utilizzare il congedo lavorativo. Ovvero il coniuge, i genitori o i figli del disabile devono essere deceduti, mancanti o affetti da patologie gravi.

Questa regola vale fino ai parenti di terzo grado ed è sancita dalla sentenza numero 213 del 2016 emanata dalla Corte Costituzionale.

Non possono richiedere il congedo straordinario dal lavoro i lavoratori addetti ai servizi domestici e familiari, i lavoratori a domicilio, i lavoratori agricoli giornalieri, i lavoratori autonomi, i lavoratori parasubordinati e i lavoratori con contratto di lavoro part-time verticale, durante le pause di sospensione contrattuale.

Congedo lavorativo: il soggetto disabile che certificazione deve possedere?

Per usufruire del congedo dal lavoro è essenziale e quindi obbligatorio che il soggetto sia accertato come persona con handicap affetta da una situazione grave, quella prevista dall’art. 3, comma 3, della Legge n. 104 del 1992. Sul certificato medico del soggetto disabile deve essere presente proprio questo estremo di legge.

congedo dal lavoro

Non possono godere di questo diritto i soggetti affetti da situazioni di handicap diversi, come le persone che rientrano nella categoria di disabili ma appartenni al comma 1 articolo 3 della legge 104 ad esempio. Altri certificati medici o con diciture diverse, non sono validi a tale scopo.

Congedo lavorativo: come richiederlo?

La domanda per il congedo straordinario si presenta direttamente online all’INPS. Per farlo bisogna essere lavoratori dipendenti privati, anche part-time.

Non è possibile richiedere il congedo lavorativo durante il ricovero della persona disabile a tempo pieno, così come scritto nella circolare INPS del 3 dicembre 20120, la numero 55, salvo che per alcuni casi particolari.

legge 104 cambiamenti

Legge 104: in arrivo tante novità per chi assiste i disabili e gli anziani

Finalmente qualcosa si muove nei confronti dei soggetti che usufruiscono della legge 104 del 1992 a vantaggio di persone disabili ed anziani con più di 80 anni di età. Questa è una delle leggi più importanti nel campo agevolazioni, permessi retribuiti, congedi e incentivi di cui può usufruire chi si prende cura con tanto amore delle persone care purtroppo non più autosufficienti (figura di caregiver). Purtroppo l’Italia è un paese ancora arretrato in questo settore, oltre all’indennità di accompagnamento, tra gli strumenti previdenziali vi è un grande buco nero. Fortunatamente il governo ha deciso di dare una svecchiata alla legislazione contribuendo in modo efficace al miglioramento delle condizioni delle persone disabili e di chi si prende loro cura. Così la Commissione permanente al Senato sul Lavoro e Previdenza Sociale si è messa all’opera per portare al termine l’aggiornamento legislativo. Scopriamo quali sono questi cambiamenti e come incideranno positivamente.

Su cosa lavorerà il senato?

L’obiettivo della commissione al Senato è di lavorare principalmente su tre disegni di legge: Ddl 2266, 2048 e il 2128. Questi sono i tre ambiti riguardanti l’aggiornamento, che assieme ai già presenti permessi retribuiti, congedo straordinario, Ape social e incentivi fiscali contribuiranno a favore delle persone disabili, degli anziani e di chi si prende cura di loro.  Tali cambiamenti finalmente potranno essere un faro di speranza per chi ha deciso di accudire un familiare anziano, infischiandosene di tutti gli ostacoli che si presentano lungo il cammino.

Novità legge 104: incentivi per il Ddl 2266 e 2048

In merito al Ddl 2266 i cambiamenti prevedono il beneficio della detraibilità dal reddito, in poche parole concedere ai caragiver la possibilità di sottrarre dal credito d’imposta fino a metà delle spese sostenute in un anno per l’assistenza al soggetto disabile o anziano, fino ad un massimo di 1000€ annui. Sempre per questo Ddl citiamo tra le novità “l’istituzione di un fondo ferie solidale a sostegno della conciliazione dell’attività lavorativa e di quella di cura e di assistenza prestata dal caregiver familiare”.

novità legge 104

Tra le modifiche del Ddl 2048 è stato proposto per chi si occupa di un parente con più di 80 anni di età con cui convive da almeno sei mesi e con reddito ISEE non superiore ai 25 mila euro all’anno, una detrazione dell’imposta sul reddito delle persone fisiche del 19% delle spese che si sostengono per l’assistenza in un anno, fino ad un massimo di riduzione di 10.000€ all’anno. Sono somme non stratosferiche considerando tutte le spese che si affrontano in particolare quando il soggetto non verte in buone condizioni di salute, ma sicuramente sono un passo in avanti.

Il Ddl 2048 ha anche pensato a chi purtroppo è incapiente parzialmente o totalmente (non è titolare di reddito), ma accudisce lo stesso un familiare entro il terzo grado di parentela. In tal caso, infatti, vorrebbe istituito una sorta di rimborso spese pari a 1900 euro l’anno pagato direttamente dall’Inps. Sempre per tutelare i soggetti anziani oltre gli 80 anni accuditi da un familiare, vi è la possibilità di trasformare un contratto di lavoro a tempo pieno in part time. Quest’ultimo non deve superare il 50% dell’orario “ordinario” e la durata massima del lavoro a tempo ridotto non deve andare oltre i due anni.

Contributi e lavoro part time per i caragiver

Uno dei cambiamenti sicuramente più apprezzati nella legge 104 del 1992 sarà la possibilità di estendere i permessi, cito “anche ai caregiver familiari assunti con ogni forma di contratto di lavoro subordinato e parasubordinato” così da poter finalmente permette ai familiari di assistere l’anziano e al tempo stesso poter far conciliare l’attività lavorativa. Questi contributi potranno essere confermati solo dal momento di riconoscimento di un handicap grave nel soggetto assistito. Nel caso di esito positivo, i contributi si aggiungeranno a quelli già versati per l’attività lavorativa, così da poter accedere all’Ape social come assistente di un familiare.

aggiornamento legge 104

Nell’ultimo disegno di legge, il 2128, vi è previsto un riconoscimento per un familiare che accudisce un parente anziano, con copertura da parte dello Stato dei contributi maturati durante l’assistenza e il lavoro svolto prendendosi cura del soggetto, equiparandoli a quelli che si maturano come lavoro domestico. Ovviamente questi si sommeranno ai contributi già versati maturati con il lavoro. Si propone inoltre nei confronti dei caraviger familiari anche “tutele previste per le malattie professionali” e la “copertura assicurativa a carico dello Stato con il rimborso delle spese sostenute per sopperire alla vacanza assistenziale nei periodi di malattia o nei quali il prestatore di cure è impossibilitato ad assistere il proprio familiare”.

Se chi assiste un familiare anziano o un disabile ha più incentivi ed è tutelato dal punto di vista lavorativo, contributivo ed economico, è più propenso a poter dare una mano, rendendo così la vita dell’assistito migliore sotto ogni punto di vista. È fondamentale che lo Stato sostenga queste persone garantendo un alto tenore di vita e un’assistenza a 360 gradi anche a chi purtroppo non dispone economicamente di un fondo per poter assicurare visite mediche, medicinali e assistenza.